Maria Paola Guidobaldi

Materiali votivi della Grotta del Colle di Rapino

Archaeologica, 134
2002, 80 pp., 10 Tavole f.t.
Brossura, 17 x 24 cm
ISBN: 887689182X

€ 85,00  € 80,75
  • ADD TO CART ADD TO CART ADD TO CART
ABSTRACT

Sul versante nord-orientale della Maiella, ai piedi del Monte Pologne (località Costa Le Solagne o Tazze) si apre una cavità naturale nota come Grotta del Colle. Il nome sembra derivare da quello di un castello medievale, detto appunto il Colle, che sorgeva nelle vicinanze. I primi rinvenimenti nella grotta , consistenti in "ossa di sterminata grandezza", risalgono agli inizi del XIX secolo, ma é soltanto a partire dal 1846, quando Th. Mommsen fornisce la prima edizione scientifica della "Tabula Rapinensis", trovata nei pressi di una sepoltura, che la Grotta del Colle attira effettivamente l'attenzione degli studiosi.